Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Si chiama Cesare Gridelli dell'ospedale Moscati di Avellino.

Il miglior oncologo del mondo è un medico napoletano. Lo ha stabilito una ricerca dell’Expertscape, associazione californiana di Palo Alto, che si occupa dei migliori specialisti mondiali.

E’ lui il primo per il trattamento del tumore al polmone.

Expertscape In occasione del mese dedicato alla prevenzione del tumore al polmone, ha condotto una analisi utilizzando vari parametri: le ricerche e le pubblicazioni effettuate dai candidati negli ultimi 10 anni, assegnando punteggi in base all’importanza delle riviste scientifiche, le citazioni avute dalle pubblicazioni, le linee guida e altri parametri. Dalla classifica Gridelli risulta al primo posto, al secondo Frances Shepherd del Margareth hospital di Toronto, al terzo Mark Socinsky dell’università di Pittsburgh.

Le dichiarazioni del medico son state: «E’ la dottoressa Shepherd da Toronto mi ha avvertito della classifica, non ne sapevo nulla… ». «Effettivamente è una classifica molto rigorosa che tiene conto delle pubblicazioni e in particolare del valore di queste. Ossia l’importanza della rivista dove sono state pubblicate le ricerche e se da quelle ricerche sono nati altri studi sull’argomento. Immaginatevi quindi l’orgoglio che ho provato. Anche perchè da Napoletano e lavorando soprattutto ad Avellino, insomma vado avanti e indietro per quella che viene ormai chiamata Terra dei Fuochi ed è importante dare un segnale chiaro».«Sono davvero orgoglioso di questo risultato è una testimonianza di come anche nel bistrattato sud si può costruire qualcosa».

Non e' mancato un cenno alla terra dei fuochi: «É un problema gravissimo di cui si deve parlare. Ci vogliono le bonifiche e ci vuole chiarezza. Ma quello che mi preoccupa di più è l’assenza di dati certi anche a causa delle carenze del registro tumori». E un giudizio sulla sanità campana: «Quello che ci manca è l’organizzazione. Ci vorrebbero anche più macchinari per la radioterapia visto che in Campania abbiamo un bassissimo rapporto tra numero di malati e macchinari».

 ESCAPE='HTML'

Il Dott. Cesare Gridelli è nato a Napoli il 24/03/1961. Laureatosi in Medicina e Chirurgia nel 1985 si è specializzato in Oncologia e poi in Medicina Interna presso l’Università “Federico II” di Napoli. Dal Dicembre 2001 è Direttore dell’Unità Operativa a Struttura Complessa di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliera “S.G.Moscati” di Avellino”. Dal Dicembre 2003 è Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia dell’Azienda Ospedaliera “S.G. Moscati” di Avellino. Da anni svolge ricerca clinica sul cancro del polmone in collaborazione con le principali istituzioni internazionali e con numerosi stage all’estero.
Nel corso degli anni ha coordinato studi clinici controllati multicentrici nazionali ed internazionali in tale settore. Ha effettuato importanti studi nel paziente anziano segnalandosi tra i percursori a livello internazionale in tale settore. Attualmente è particolarmente impegnato nello sviluppo di nuovi farmaci biologici a bersaglio molecolare.

E’ stato membro del Foundation Council dell’European Thoracic Oncology Platform (ETOP). E’ revisore e membro dell’Editorial Board di numerose riviste internazionali.

articolo del novembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Widget is loading comments...